silvia gallerano - la merda

Dettagli dell'evento:

La Merda

Giovedì 18 febbraio 2016 alle ore 21 al Teatro Puccini di Firenze, Silvia Gallerano in La Merda

di Cristian Ceresoli
con Silvia Gallerano

L’opera che ha scioccato e meravigliato il mondo al Festival di Edimburgo 2012 vincendo, tra gli altri, il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura di Cristian Ceresoli, il The Stage Award for Acting Excellence per l’interpretazione di Silvia Gallerano e l’Arches Brick Award for Emerging Art registrando il tutto esaurito sia nel 2012 che nel ritorno al festival del 2013, proseguendo con il clamoroso e scioccante successo di pubblico e critica in tutto il mondo, durante il tour mondiale con Adelaide, Copenhagen, Madrid, Berlino, Lugano, Glasgow, il celeberrimo West End londinese e quattro anni consecutivi di tutto esaurito, nonostante una sottile e persistente censura.

L’opera – acclamata dalla critica internazionale è già tradotta in diverse lingue di Cristian Ceresoli, incarnata da una “straordinaria” Silvia Gallerano secondo il Times, il Guardian, El Pais, The Scotsman, la ABC, The Advertiser, IlSole24Ore, Politiken, il Corriere della Sera, La Repubblica, Vogue e molti altri – si manifesta come uno stream of consciousness dove si scatena la bulimica e rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio, di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà.

La Merda ha come spinta propulsiva il disperato tentativo di districarsi da un pantano o fango, ultimi prodotti di quel genocidio culturale di cui scrisse e parlò Pier Paolo Pasolini all’affacciarsi della società dei consumi. Quel totalitarismo, secondo Pasolini, ancor più duro di quello fascista poiché capace di annientarci con dolcezza.

  • Data: giovedì 18 febbraio 2016 ore 21:00
  • Biglietti:

    Posto Unico Numerato € 18,00 + dp

  • Info: 055 362067 - 055 210804 - info@teatropuccini.it
  • Luogo: , via delle Cascine 41, Firenze
Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest