ecorinascimento parco pazzagli - firenze

Dettagli dell'evento:

Ultimo giorno dell'evento il:
27 maggio 2018

Ecorinascimento al Parco Pazzagli

Dal 30 aprile al 27 maggio 2018 al Parco Pazzagli di Firenze, Ecorinascimento.

Il Parco Pazzagli, si estende per circa 24.000 metri quadrati, circondato da uno splendido paesaggio e costeggiato dall’Arno.
E’ un mondo di arte e fantasia, dove famiglie e bambini amano passeggiare fra le opere ed i fiori. E dove è anche possibile sdraiarsi sull’erba per prendere il sole, leggere un libro, disegnare, ecc. Inoltre una parte del parco è dedicata ad area picnic.
Amato da artisti e fotografi, non di rado è richiesto per eventi, cerimonie, compleanni e come set fotografico da novelli sposi.

Nel parco 300 cipressi creano una delle sculture viventi più grandi al mondo. Un’opera che si può ammirare in tutta la sua interezza (1500 metri quadrati) solo guardandola dall’alto o su Google Earth, ma che comunque si apprezza anche camminando fra gli alberi.
All’interno del Parco, l’Artista Enzo Pazzagli (autore del “Pegaso” simbolo della Regione Toscana) ha installato circa 200 sculture (la prima “I tre Arlecchini” risale al 1966), e ospita inoltre opere di Poggiali Berlinghieri, Guasti ed alcune mucche provenienti dal “Cow Parade”.

All’ingresso sono esposti i “Fiori Fotovoltaici” dell’Arch. Massimiliano Silvestri, connubio fra arte e tecnologia, funzionalità ed estetica.
Per i più piccoli sono esposte alcune opere concesse dalla Fondazione Carnevale di Viareggio.

  • Ultimo giorno dell'evento il 27 maggio 2018.
  • Quando:

    Aperto il venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 20.
    Per il Ponte del Primo Maggio aperto tutti i giorni con orario 11-20.

  • Biglietti:

    Ingresso a offerta minima 5€ a persona, per raccolta fondi. Ingresso gratuito per bambini sotto 12 anni e persone diversamente abili.

  • Info: ecorinascimento@gmail.com - 389 9988456 – 347 7335332
  • Luogo: Parco d'Arte Enzo Pazzagli , via Sant'Andrea a Rovezzano , Firenze
Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest